Blog

Cuore

Le nuove tecnologie, come ogni altro frutto dell’ingegno dell’uomo, devono essere poste al servizio del bene integrale della persona e dell’umanità intera; se usate saggiamente possono contribuire a soddisfare il desiderio di senso, di verità e di unità che rimane l’aspirazione più profonda dell’essere umano. Vivere questo “cambio d’epoca”, questo tempo come kairos, significa riservarlo a Dio, chiedere di poter guardare il mondo con i Suoi occhi. Allora ci sarà dato di percorrere le strade dell’amore fraterno, della carità, della gratuità per un cammino di trasformazione della storia che comprenda ogni aspetto della vita umana. «I credenti non solo sanno ascoltare i timori e le angosce dei loro contemporanei ma sono chiamati a fare riconoscere anche le gioie e le speranze che il Vangelo dona loro nel risuonare della storia e delle sue provocazioni. Essere testimoni di queste gioie e della speranza è la sfida che attende ogni credente nella nuova epoca in cui siamo immersi» (Paolo Benanti, Digital age).

Sara Spadoni, L’Aquila