MAIN PARTNER

Foto Carra Parma

Il nostro Gruppo rinnova il pieno sostegno al Festival Francescano dedicato a un tema non solo attuale ma fondamentale per il futuro di tutti noi e delle nuove generazioni. Il concetto di ‘economia gentile’ è al centro dell’operato di Chiesi che, anche in qualità di Società Benefit e azienda certificata B Corp, è impegnata ogni giorno per realizzare un modello di business rigenerativo. Alla base di un sistema economico sostenibile, che guardi alle categorie più fragili e rispettoso della società e dell’ambiente, c’è il concetto di valore condiviso. Le aziende hanno la responsabilità di creare valore per le persone e il pianeta.

Alberto Chiesi, presidente del Gruppo Chiesi

image

BPER Banca e il Festival Francescano sono legati da una partnership storica, avviata fin dalla prima edizione condividendo valori quali la solidarietà, il dialogo e la cultura del rispetto. L’edizione del 2021, che si consolida dedicata all’Economia Gentile, offre ulteriori spunti di vicinanza in quanto BPER Banca, soprattutto negli ultimi tempi, è impegnata in una serie di iniziative che puntano a creare valore non solo in termini finanziari, ma anche di bene comune e di crescita sociale.

Dr. Pierpio Cerfogli, Chief Business Officer BPER Banca

Claudio Levorato - Chairman Manutencoop Società Cooperativa VERT

Immaginare e costruire una economia inclusiva è da sempre al centro del nostro fare impresa. Lo diciamo a chiare lettere nella nostra missione: vogliamo valorizzare il lavoro come fattore di libertà e fondamento della società e, con la nostra attività ed i nostri servizi, contribuire a migliorare la vita delle persone e l’ambiente nelle città, per le generazioni attuali e future. Non potevamo, quindi, non partecipare al Festival Francescano, dedicato all’economia gentile: andiamo nella stessa direzione, vogliamo costruire modello sociale ed economico sostenibile e “di tutti”, in cui nessuno resta indietro.

Claudio Levorato, presidente di Manutencoop Società Cooperativa, holding di controllo di Rekeep

PARTNER

Giulio Romagnoli_AD Romagnoli F.lli Spa

Rinnoviamo anche quest’anno il nostro sostegno al Festival Francescano, un’occasione di riflessione, confronto e diffusione di dialogo, inclusione e rispetto, valori cruciali per la crescita della nostra comunità. Proprio da questi valori occorre partire per costruire una società ed economie più umane e sostenibili, dando risposte concrete alla crisi economica in atto che rischia di abbattersi con maggior forza sui più fragili. Una convinzione che portiamo avanti ogni giorno nella nostra attività, creando un ambiente di lavoro capace di accogliere il prossimo e operando nella convinzione che il mondo è la casa di tutti e per questo va salvaguardato da ogni sorta di sfruttamento e depauperamento, sia esso umano, sociale o ambientale.

Giulio Romagnoli, amministratore delegato Romagnoli F.lli

Conapi40_0150

Siamo felici di aderire in veste di sponsor al “Festival Francescano”, con cui condividiamo l’obiettivo di riscoprire, far conoscere, attualizzare e concretizzare i valori di Francesco di Assisi, in particolare l’amore e il rispetto per la natura. Rappresentiamo oltre 600 apicoltori con più di 110.000 alveari su tutto il territorio italiano. Siamo “coltivatori e moltiplicatori di biodiversità” e con il nostro lavoro difendiamo la salute del nostro pianeta, patrimonio comune. Grazie ai nostri 5 miliardi di api, di cui siamo custodi, contribuiamo all’impollinazione della nostra bella Italia e a mantenere in salute il sistema immunitario del nostro pianeta, che è proprio la biodiversità. Proprio come un alveare, la nostra cooperativa vanta una leadership e una forte presenza femminile, caratterizzata da grande forza, ma anche grande gentilezza.

Nicoletta Maffini, direttore generale di CONAPI-Mielizia

IMG_6237

Da tanto tempo la Landi Renzo sostiene il Festival Francescano, ma dopo quest’anno difficile lo facciamo ancora più convintamente. La pandemia ha messo a dura prova tutti noi e ha acuito le disuguaglianze che già erano presenti, perciò è ancora più importante discutere di un’economia gentile che ascolti tutti e che non lasci indietro nessuno. Il miglioramento della nostra società passa sicuramente anche dalla sostenibilità ambientale, da sempre parte integrante della nostra mission. Per questo siamo particolarmente orgogliosi di partecipare anche a questa edizione.

Stefano Landi, presidente di Landi Renzo

Gamberini

Ripartire dopo la pandemia è per tutti una sfida complessa e difficile ma costituisce nel contempo un’opportunità entusiasmante. Non possiamo tornare alla situazione precedente e abbiamo l’occasione di costruire un mercato inclusivo e sostenibile, un’economia gentile come ci ricorda il Festival Francescano, un mondo dove ci sia davvero spazio per tutti. Questo è l’obiettivo che anima da sempre la cooperazione. Essere qui insieme è un passo in questa giusta e imprescindibile direzione.

Stefano Gamberini, direttore generale di Coopfond

Credit_Gabriella_Corrado_LUZ13

L’obiettivo, non scontato, che siamo chiamati a raggiunge oggi più che mai è amministrare bene il presente. Attenzione però, perché dobbiamo amministrarlo bene non solo in ottica economica, ma anche e soprattutto sostenibile. L’evoluzione tecnologica ci ha fornito strumenti meravigliosi per migliorare il nostro vivere quotidiano e il lavoro ma ha anche accelerato processi che possono sbilanciare gli equilibri del nostro pianeta. Il nostro compito deve essere quello di governare questi cambiamenti, rispettando l’eredità che ci è stata lasciata dai nostri padri per consegnarla ai nostri figli, possibilmente migliorata.

Nicola Bertinelli, presidente di Parmigiano reggiano

SPONSOR

STEFANIA-BRANCACCIO-grigia

Abbiamo voluto aderire in veste di sponsor al Festival Francescano nei cui valori da sempre COELMO si riconosce.
Vivere un’economia inclusiva è da sempre al centro del nostro fare Impresa. Lo scopo dell’impresa non è semplicemente e la produzione del profitto, bensì l’esistenza stessa dell’impresa come comunità di uomini che ognuno in modo diverso, persegue al servizio dell’intera società e per il bene comune.
Solidarietà, rispetto e attenzione verso le persone,  nostri valori da conseguire creando un ambiente di lavoro capace di accogliere il prossimo e operando nella convinzione che il mondo è la casa di tutti e per questo va salvaguardato da ogni sfruttamento, sia esso umano, sociale ed ambientale.

Stefania Brancaccio, vicepresidente di Coelmo

Mario Cifiello_CoopAlleanza 3.0

Il sostegno di Coop Alleanza 3.0 al Festival Francescano dedicato quest’anno all’economia gentile è coerente con l’idea di sviluppo armonico e sostenibile a cui la Cooperativa ispira il proprio agire. Questa visione dell’economia e della società è fondamentale per guardare con fiducia al futuro, prestando la massima attenzione ai nuovi scenari economici e sociali, e ai bisogni dei territori e delle comunità.
In questo momento così complesso è necessario ribadire il ruolo della cooperazione e dei suoi princìpi, a dimostrazione che un’altra economia, più equa e solidale è possibile.

Mario Cifiello, presidente di Coop Alleanza 3.0

Presidente CLAI

Il  tema  proposto dall’edizione  di  quest’anno  del  Festival  Francescano, “Economia  gentile.  Il  mondo  è  di  tutti”, lo  avverto particolarmente  in  sintonia  col  modo  di  “sentire” della  nostra  cooperativa, soprattutto  in  un  periodo  ancora  segnato  dalla  pandemia e  in  cui  il  nostro  sguardo  è  chiamato a guardare con rinnovata fiducia al futuro.  CLAI, letteralmente Cooperativa Lavoratori Agricoli Imolesi, anagramma di ACLI (l’associazione  cattolica che fu incubatore del progetto) venne costituita a Imola nel 1962 da un gruppo di giovani, in  prevalenza provenienti da famiglie di mezzadri, contadini dediti al lavoro “sotto padrone”. Una  nascita  avvenuta  come  risposta  a  un  bisogno: la  creazione  di  un’impresa  agricola  che  assicurasse lavoro, in una prospettiva di crescita e sviluppo, per contribuire fattivamente al bene della  sua comunità di  appartenenza.  Un  progetto  originale, sostenuto  da  valori  profondi  di  mutualità  e  solidarietà,  di  partecipazione  e  di  autogestione,  che  ha  portato  allo  sviluppo  di  una  realtà  autenticamente  cooperativa, che  si  è  progressivamente  affermata nel  corso  del  tempo fino  a  diventare  un’impresa  primaria  nel  settore  agroalimentare  del  nostro  Paese,  con  oltre  cinquecentocinquanta dipendenti. 

Nel  corso  del  2020  è  stato  presentato  il  nuovo  logo della  Cooperativa,  all’interno  di  un  programma più ampio di rebranding, che esprime al meglio il motto “Lavoratori felici significa salami  felici” e che nella lettera “A” presenta un sorriso stilizzato, a evocare il nostro costante impegno per  generare  e  trasferire felicità.  La  felicità  dei  dipendenti,  per  quello  che  fanno  all’interno  della  filiera  cooperativa  delle  carni,  dei  salumi e  dei  formaggi.  La  felicità  dei  clienti,  che acquistano  ogni giorno  prodotti di qualità, frutto di impegno, entusiasmo e passione.  

CLAI è una storia di persone al centro dell’impresa, di valori autenticamente vissuti e trasmessi  nel patto intergenerazionale. Elementi che trovano conferma nella creazione costante di nuovi posti  di lavoro e nella presenza di una porta sempre aperta all’ingresso di nuovi soci. Ma da raccontare c’è  anche  il fortissimo  legame  con  la  comunità  di  appartenenza  e  il  territorio,  la ricerca  continua  di  sostenibilità economica, sociale e ambientale, il sostegno concreto alle fasce di popolazione più deboli  e alla crescita dei giovani.  

Con  responsabilità  etica  e  sociale, CLAI  vuole  continuare  a  contribuire  concretamente  all’“Economia  gentile”  proposta  dal  Festival. Tanto  è  stato  fatto,  tanto  si  desidera fare  nel  futuro. Insieme tutto è possibile. 

Giovanni Bettini, Presidente di CLAI Imola

MarcoPiccolo_01

Viviamo una sola volta nella vita. Mio fratello ed io desideriamo creare un tempo di lavoro che dia senso alla nostra vita e a quella dei nostri collaboratori. Le nostre scelte e le nostre azioni definiranno chi siamo per ciò che avremmo fatto per gli altri.
Non ci interessano solo i risultati economici. Pensiamo al mondo che lasceremo ai nostri figli e ai loro nipoti.
Nel nostro spirito di fare impresa sposiamo pienamente i principi dell’economia civile, siamo società benefit e aderiamo alla filosofia Francescana in cui ogni azione aziendale non può sussistere se generando un profitto onorevole, non generi anche un impatto positivo sull’ambiente e verso la comunità in cui operiamo. Questo è il nostro impegno!

Marco Piccolo, CEO Reynaldi

ugo biggeri

Etica Sgr sostiene con piacere il Festival Francescano e l’idea di un economia gentile. Pochi ricordano che è stato proprio il movimento francescano alla fine del Medioevo a favorire la nascita delle banche con obiettivi sociali e, soprattutto, a porre delle condizioni per rendere ammissibile l’applicazione di un tasso di interesse. Le riflessioni di allora non solo si adattano bene all’idea moderna di sostenibilità, ma risultano ancora innovative per quello che riguarda la promozione dell’economia reale e di una finanza vicina all’economia reale.
“La gentilezza rende” così come rende investire prendendo in considerazione temi in materia ambientale, sociale e di governance (ESG), oltre venti anni di storia del Gruppo Banca Etica ne è testimone.

Ugo Biggeri, presidente di Etica Sgr

AMICI

Carlo Ferraresi

Essere presenti al Festival è per noi motivo di grande soddisfazione. Possiamo così sostenere un’iniziativa di altissimo valore che propone “l’economia gentile” come strumento di inclusione, tutelando la dignità di ogni essere umano e rispettando gli equilibri naturali della Terra. Cattolica Assicurazioni si impegna giornalmente, anche per il tramite della Business Unit Enti religiosi e Terzo Settore, a costruire e alimentare un percorso d’incontro, ascolto e condivisione al fianco del Mondo Ecclesiastico e del Terzo Settore. Sostenere il Festival ci permette di consolidare questo dialogo con le realtà e le persone che custodiscono il Bene Comune, mettendo le nostre competenze distintive al servizio della cura dei più deboli, nell’ottica di un nuovo modello di ecologia autenticamente sostenibile.

Carlo Ferraresi, amministratore delegato di Cattolica Assicurazioni

Bernardi

Un futuro più inclusivo e sostenibile non solo è il tema di questa edizione del Festival Francescano ma è anche un obiettivo comune e condiviso per cui vale la pena muoversi e spendersi personalmente.
Per questo motivo Incontri Esistenziali ha rinnovato il suo sostegno a questa iniziativa che ormai da anni è un punto di riferimento per la città, nonché occasione privilegiata di approfondimento e – soprattutto – di incontro.

Francesco Bernardi, presidente di Incontri Esistenziali

Tempio di Adriano, Roma, Granarolo, Sostenibilità

La nostra storia è fatta di scelte. Come quella di sostenere ancora una volta il Festival Francescano, nei cui valori da sempre Granarolo si riconosce, come l’inclusione sociale, la solidarietà, il rispetto e l’attenzione verso le persone. La filiera del bene comune è un impegno costante, un gesto che dà ulteriore senso al nostro lavoro, che rende orgogliosi e partecipi, in comunità.

Gianpiero Calzolari, presidente di Granarolo S.p.A

KSC_6532 A1r

Abbiamo deciso di sostenere il Festival Francescano perché alle radici della nostra esperienza c’è la stessa motivazione al cambiamento, che va nutrita con l’azione, resa bene dall’espressione economia gentile. Questo ci ha spinto a costruire in cima ad una collina tra Urbino e il mare una filiera per la produzione di pasta biologica, cercando di costruire qua qualcosa che potesse costituire un nuovo modello di agricoltura e di economia legata ai territori e alla loro gente. Cercando di preservare: luoghi, risorse naturali e persone.”

Giovanni Battista Girolomoni – Presidente della Cooperativa Gino Girolomoni.

Francesco Milza New 2

Il Festival Francescano propone un modello sociale ed economico che non lascia indietro nessuno, come prevede la missione mutualistica della cooperazione. La nostra società ha bisogno di riscoprire il bene dell’accoglienza, dell’inclusione e della gentilezza nelle relazioni a cui spesso ci richiama Papa Francesco, presa com’è da un individualismo esasperato e da una logica del mero profitto fine a se stesso, che conducono all’emarginazione dei più fragili. Ogni giorno nelle nostre cooperative cerchiamo di portare avanti l’impegno per un’economia al servizio di tutti, generativa e solidale, capace di dare risposte creando benessere e sviluppo sostenibile partendo dai bisogni delle comunità.

Francesco Milza, presidente di Confcooperative Emilia Romagna

Foto Matteo Manzoni 2

Confcooperative Bologna considera il Festival Francescano un importante evento di socializzazione e di confronto su tematiche ispirate alla spiritualità francescana che connotano anche l’identità e l’impegno di tutto il mondo cooperativo: l’attenzione agli ultimi, il dialogo tra culture, la ricerca di nuove forme di economia che mettano al centro la persona umana ed il rispetto per l’ambiente… Da questa convinzione deriva il sostegno espresso con varie modalità nelle precedenti edizioni, confermato quest’anno in cui si esplicita il senso di fraternità, che i cooperatori cercano di interpretare nella loro esperienza personale ed imprenditoriale, come fondamento dello sviluppo sociale ed economico.

Matteo Manzoni, direttore di Confcooperative Bologna

19d8aefe-3362-4777-aabf-83d9529a98db.JPG

Da quando il Festival Francescano si svolge a Bologna, le Acli locali partecipano con convinzione. Nel nostro Statuto associativo, infatti, ritroviamo tanti valori comuni, come la centralità della persona nel mondo del lavoro, la sussidiarietà, la promozione di un modello sociale ed economico che rimuova le disuguaglianze e non lasci indietro nessuno. Abbiamo tutti bisogno di riscoprire il valore della solidarietà e dell’accoglienza, a maggior ragione dopo la pandemia che ci ha travolti: le piazze del Festival ci hanno dato e ci danno  occasione di condividere le nostre riflessioni con una vasta ed interessata platea di partecipanti. Ringraziamo dunque il Festival per i momenti di confronto e socialità fondamentali con cui animano la nostra città, il nostro cammino associativo e di cristiani.

Chiara Pazzaglia, presidente Acli bologna

REALTÁ FRANCESCANE

Fratacchione01

Le Edizioni Frate Indovino sono una realtà dei Frati Minori Cappuccini nata per diffondere una parola semplice e buona, per portare la speranza con un sorriso, per parlare di Dio cercando di offrire una risposta alla ricerca di senso dell’umanità. Non potevamo quindi sentirci estranei alla chiamata del Festival, soprattutto in quest’anno tutto speciale, perché la straordinarietà degli eventi ha reso ancora più urgente la necessità di diffondere un pensiero nuovo e ci ha reso consapevoli che solo assieme possiamo cambiare il mondo. E proprio assieme, nella grande famiglia francescana, possiamo testimoniare che un altro mondo è possibile riaccendendo la scintilla della fraternità nel mondo.

Edizioni Frate Indovino

Isa_Z5O_0840

Il mondo è di tutti perché Dio Amore ne ha fatto dono gratuito e gentile ad ogni creatura, ad ogni persona, prima di tutto ai suoi poveri. Ogni persona è perciò chiamata a godere della gioia di stare al mondo fruendo delle ricchezze che il mondo offre gratuitamente. Ogni persona è chiamata a fare esperienza di questa felicità che è insieme un dono e il frutto di relazioni responsabili e fraterne. Ogni persona è chiamata a collaborare alla generazione di questo modo di stare al mondo, di questa economia gentile.

Fra Marcello Longhi, presidente di Opera San Francesco per i Poveri