Festival Francescano 2016 http://www.festivalfrancescano.it Sat, 24 Sep 2016 09:52:49 +0000 it-IT hourly 1 Assisi, i leader mondiali e Papa Francesco firmano un “appello di pace” http://www.festivalfrancescano.it/assisi-leader-mondiali-papa-francesco-firmano-un-appello-pace/ Tue, 20 Sep 2016 20:49:30 +0000 http://www.festivalfrancescano.it/?p=5727 APPELLO DI PACE 2016 Uomini e donne di religioni diverse, siamo convenuti, come pellegrini, nella città di San Francesco. Qui, nel 1986, trent’anni fa, su invito di Papa Giovanni Paolo II, si riunirono Rappresentanti religiosi da tutto il mondo, per la prima volta in modo tanto partecipato e solenne...

L'articolo Assisi, i leader mondiali e Papa Francesco firmano un “appello di pace” sembra essere il primo su Festival Francescano 2016.

]]>
APPELLO DI PACE 2016

Uomini e donne di religioni diverse, siamo convenuti, come pellegrini, nella città di San Francesco. Qui, nel 1986, trent’anni fa, su invito di Papa Giovanni Paolo II, si riunirono Rappresentanti religiosi da tutto il mondo, per la prima volta in modo tanto partecipato e solenne, per affermare l’inscindibile legame tra il grande bene della pace e un autentico atteggiamento religioso. Da quell’evento storico, si è avviato un lungo pellegrinaggio che, toccando molte città del mondo, ha coinvolto tanti credenti nel dialogo e nella preghiera per la pace; ha unito senza confondere, dando vita a solide amicizie interreligiose e contribuendo a spegnere non pochi conflitti. Questo è lo spirito che ci anima: realizzare l’incontro nel dialogo, opporsi a ogni forma di violenza e abuso della religione per giustificare la guerra e il terrorismo. Eppure, negli anni trascorsi, ancora tanti popoli sono stati dolorosamente feriti dalla guerra. Non si è sempre compreso che la guerra peggiora il mondo, lasciando un’eredità di dolori e di odi. Tutti, con la guerra, sono perdenti, anche i vincitori.

Abbiamo rivolto la nostra preghiera a Dio, perché doni la pace al mondo. Riconosciamo la necessità di pregare costantemente per la pace, perché la preghiera protegge il mondo e lo illumina. La pace è il nome di Dio. Chi invoca il nome di Dio per giustificare il terrorismo, la violenza e la guerra, non cammina nella Sua strada: la guerra in nome della religione diventa una guerra alla religione stessa. Con ferma convinzione, ribadiamo dunque che la violenza e il terrorismo si oppongono al vero spirito religioso.

Ci siamo posti in ascolto della voce dei poveri, dei bambini, delle giovani generazioni, delle donne e di tanti fratelli e sorelle che soffrono per la guerra; con loro diciamo con forza: No alla guerra! Non resti inascoltato il grido di dolore di tanti innocenti. Imploriamo i Responsabili delle Nazioni perché siano disinnescati i moventi delle guerre: l’avidità di potere e denaro, la cupidigia di chi commercia armi, gli interessi di parte, le vendette per il passato. Aumenti l’impegno concreto per rimuovere le cause soggiacenti ai conflitti: le situazioni di povertà, ingiustizia e disuguaglianza, lo sfruttamento e il disprezzo della vita umana.

Si apra finalmente un nuovo tempo, in cui il mondo globalizzato diventi una famiglia di popoli. Si attui la responsabilità di costruire una pace vera, che sia attenta ai bisogni autentici delle persone e dei popoli, che prevenga i conflitti con la collaborazione, che vinca gli odi e superi le barriere con l’incontro e il dialogo. Nulla è perso, praticando effettivamente il dialogo. Niente è impossibile se ci rivolgiamo a Dio nella preghiera. Tutti possono essere artigiani di pace; da Assisi rinnoviamo con convinzione il nostro impegno ad esserlo, con l’aiuto di Dio, insieme a tutti gli uomini e donne di buona volontà.

Assisi, 20 settembre 2016

L'articolo Assisi, i leader mondiali e Papa Francesco firmano un “appello di pace” sembra essere il primo su Festival Francescano 2016.

]]>
Le variazioni nel programma di Festival Francescano http://www.festivalfrancescano.it/5717-2/ Tue, 20 Sep 2016 18:09:33 +0000 http://www.festivalfrancescano.it/?p=5717 In questa pagina verrà segnalata tempestivamente ogni eventuale variazione agli eventi in programma nell’VIII edizione di Festival Francescano Sabato 24 settembre Nella conferenza La mediazione sociale e del conflitto come strumento del perdono interverranno Elvio Raffaello Martini, Francesca ...

L'articolo Le variazioni nel programma di Festival Francescano sembra essere il primo su Festival Francescano 2016.

]]>
In questa pagina verrà segnalata tempestivamente ogni eventuale variazione agli eventi in programma nell’VIII edizione di Festival Francescano

Sabato 24 settembre

 

Domenica 25 settembre

  • Annullata l’attività Tra le pagine di un libro (indicata in Piazza del Nettuno, ore 10.30-12.30 e 15.00-18.00)
  • Annullata l’attività Disegna con Topo Jorge (indicata in Piazza Maggiore, ore 16.00-17.00)
  • Annullato il workshop Come difendere la fede senza alzare la voce (alle ore 10.30 e alle ore 15.00)

 

L'articolo Le variazioni nel programma di Festival Francescano sembra essere il primo su Festival Francescano 2016.

]]>
All’insegna del perdono e del dialogo http://www.festivalfrancescano.it/allinsegna-del-perdono-del-dialogo/ Tue, 20 Sep 2016 13:00:54 +0000 http://www.festivalfrancescano.it/?p=5709 Torna dal 23 al 25 settembre Festival Francescano. Tra gli ospiti Caselli, Parrillo, Bruni, Gabbani, Cacciari e Riccardi Festival Francescano torna a Bologna, in piazza Maggiore, dal 23 al 25 settembre. Più di 150 iniziative, con un unico filo conduttore: “Per forza o perdono”. “Lavoriamo su questo ...

L'articolo All’insegna del perdono e del dialogo sembra essere il primo su Festival Francescano 2016.

]]>
Torna dal 23 al 25 settembre Festival Francescano. Tra gli ospiti Caselli, Parrillo, Bruni, Gabbani, Cacciari e Riccardi

Festival Francescano torna a Bologna, in piazza Maggiore, dal 23 al 25 settembre. Più di 150 iniziative, con un unico filo conduttore: “Per forza o perdono”.

“Lavoriamo su questo programma da molti mesi – affermano gli organizzatori del Movimento Francescano dell’Emilia-Romagna – Mai avremmo pensato che le questioni che affronteremo al Festival, ovvero il dialogo interreligioso, la giustizia sociale, l’economia civile, fossero così urgenti alla luce dei tragici fatti di cronaca che hanno segnato gli ultimi tempi. Un altro elemento rende il nostro Festival particolare, quest’anno: l’accadere a ridosso di un evento di straordinaria importanza come la Giornata mondiale di preghiera per la Pace. Ad Assisi s’incontrano 511 leader di nove diverse fedi da ogni parte del mondo, 12mila pellegrini, cinque premi Nobel per la Pace. Ebbene, su questa scia, vorremmo che anche il capoluogo emiliano romagnolo si trasformasse, nella tre giorni del Festival, in un luogo dove religioni e culture si mettono in dialogo”.

S’inizia venerdì 23 settembre alle 9.30 con la poesia di Davide Rondoni. Alle 11, l’ex magistrato Gian Carlo Caselli e don Giovanni Nicolini, cappellano del carcere della Dozza cercheranno di rispondere all’interrogativo: “Giustizia e pace si baceranno?”. Nel pomeriggio alle 17, Gabriele Parrillo, volto noto di molte fiction di successo, intraprenderà un cammino nel quale si fondono teatro, letteratura e spiritualità. Alle 20.30, il musicologo Walter Gatti terrà una lezione-spettacolo sulle “note di perdono”.

Il programma del sabato mattina prende avvio alle 9.30 con la conferenza dello storico Alberto Melloni, affiancato dalla compagnia Teatro di Camelot. Un convegno all’Oratorio di san Filippo Neri, a partire dalle 10, approfondirà la spinta innovativa che san Francesco portò alla politica e all’economia. Interverranno, tra gli altri, l’economista Stefano Zamagni e la medievista Maria Giuseppina Muzzarelli. Alle 11, l’Arcivescovo di Bologna mons. Matteo Maria Zuppi parlerà di come sia possibile costruire un futuro che non sia ossessionato dalla paura dell’altro. Alle 15, si confronteranno il teologo Brunetto Salvarani, il sociologo musulmano Adel Jabbar e lo storico dell’ebraismo Bruno Segre. Alle 16.30, Luigino Bruni porterà il punto di vista di esperto di economia civile. Alle 17, una coppia di studiosi, e coppia nella vita, i sociologi Chiara Giaccardi e Mauro Magatti affronteranno il tema del perdono nelle relazioni familiari (nella sala Tassinari di Palazzo D’Accursio). Alle 20.30 più di mille voci bianche, quelle del Piccolo Coro “Mariele Ventre” dell’Antoniano e della sua “Galassia”, intoneranno canti di speranza e fiducia nel futuro. Ad affiancarli, fra Alessandro Brustenghi “la voce di Assisi” e Francesco Gabbani, vincitore dell’ultimo Festival di Sanremo, sezione “Giovani”. La conduzione è affidata a Francesca Fialdini.

La domenica si terrà la celebrazione eucaristica in piazza alle 9.30, poi alle 11.30 il filosofo Massimo Cacciari approfondirà il senso del perdonare. Nel pomeriggio, alle 14.30  esponenti di fedi diverse e laici “diversamente credenti” si confronteranno sul tema dell’ospitalità (nella sala Tassinari di Palazzo D’Accursio). Alle 15, lo psicologo francescano Giovanni Salonia parlerà dell’esperienza liberante del perdonare se stessi. Alle 16.30, il fondatore della Comunità di Sant’Egidio Andrea Riccardi sarà testimone dello “Spirito di Assisi”.

Durante la tre giorni, si svolgeranno molteplici iniziative per bambini tra le quali, il sabato presso la Montagnola, la Città dello Zecchino D’Oro. Una ventina di workshop coinvolgeranno i partecipanti in piazza Galvani, mentre una decina d’incontri con l’autore si terranno nel Cortile D’Onore di Palazzo D’Accursio. Le reliquie di tre santi francescani, testimoni di perdono e misericordia, saranno esposte nella Basilica di San Francesco: San Leopoldo Mandić, San Massimiliano Kolbe e San Pio da Pietrelcina. Il programma completo su: www.festivalfrancescano.it. In caso di pioggia, le conferenze si terranno nella Cappella Farnese di Palazzo D’Accursio,  la S. Messa in San Pietro e lo spettacolo del sabato sera all’Antoniano. L’evento è organizzato in collaborazione con la Diocesi e il Comune di Bologna; con il sostegno di Landi Renzo, Centergross, BPER Banca e Pilot Pen.

L'articolo All’insegna del perdono e del dialogo sembra essere il primo su Festival Francescano 2016.

]]>
Il perdono come dialogo interreligioso http://www.festivalfrancescano.it/perdono-dialogo-interreligioso/ Mon, 19 Sep 2016 07:00:55 +0000 http://www.festivalfrancescano.it/?p=5674 Il tema del perdono e una riproduzione della sacra Porziuncola per celebrare a Bologna l’ottavo centenario del Perdono di Assisi e i trent’anni dello Spirito di Assisi Bologna, dal 23 al 25 settembre 2016, torna ad accogliere tra le proprie mura il Festival Francescano, che per la sua ot...

L'articolo Il perdono come dialogo interreligioso sembra essere il primo su Festival Francescano 2016.

]]>
Il tema del perdono e una riproduzione della sacra Porziuncola per celebrare a Bologna l’ottavo centenario del Perdono di Assisi e i trent’anni dello Spirito di Assisi

Bologna, dal 23 al 25 settembre 2016, torna ad accogliere tra le proprie mura il Festival Francescano, che per la sua ottava edizione ha scelto come tema “il perdono”. Parola poco alla moda, tornata alla ribalta grazie alla scelta di Papa Francesco d’indire il Giubileo straordinario della Misericordia, si colloca in un 2016 che è ancor più straordinario per i francescani, poiché ricorrono l’ottavo centenario del Perdono di Assisi e i trent’anni dello Spirito di Assisi.
Nelle tre giornate organizzate dal Movimento Francescano dell’Emilia-Romagna, saranno tantissime le occasioni per avvicinarci e approfondire i molteplici significati della parola perdono grazie al contributo di una cinquantina di relatori e attraverso un centinaio di appuntamenti tra spettacoli, workshop e attività per i più piccoli.

Sul tema di questa ottava edizione e sul senso del parlare di perdono oggi, il direttore del Festival fra Giordano Ferri, afferma: “Di perdono hanno bisogno i rapporti sociali, la politica e la stessa economia. Il perdono è l’unica ricetta capace di restituirci tutti, credenti o no, a una vita che possa dirsi umana. Con un linguaggio accessibile a tutti, e con più di centocinquanta iniziative, al Festival parleremo di giustizia, di economia civile e di comunione, di dialogo interreligioso in un momento storico in cui le ferite subite bruciano a tal punto da far prevalere rabbia e volontà di vendetta”.

Il dialogo interreligioso sarà infatti al centro di molteplici iniziative, che vedranno protagonista – domenica 25 in Piazza Maggiore – Andrea Riccardi, fondatore della Comunità di Sant’Egidio, che durante il convegnoLo spirito di Assisici riporterà indietro fino al 1986, anno in cui avvenne lo straordinario incontro di dialogo tra i leader religiosi di tutto il mondo voluto da Giovanni Paolo II ad Assisi.

 

Di religioni si parlerà anche – sempre in Piazza Maggiore, sabato 24 –  durante l’iniziativa “Pace fra le religioni: solo un’utopia?”, convegno che vedrà tra i protagonisti il teologo Brunetto Salvarani e lo storico dell’ebraismo Bruno Segre.

A proposito dell’incontro Segre ci dice che “I tre grandi filoni del monoteismo abramitico sono oggi chiamati, penso, a vincere le stanchezze, ad avere coraggio invece che paura. Il coraggio, in primo luogo, di ‘guardarsi dentro’ con sguardo lucido, il coraggio di compiere un faticoso adeguamento delle proprie vetuste tradizioni alle esigenze della contemporaneità. Mondo ebraico, mondo cristiano e mondo musulmano hanno assunto nel corso dei secoli connotazioni profondamente plurali. Un intenso ‘trialogo’ può creare preziose occasioni per fare di tali pluralità altrettante ricchezze, mettendole a frutto in un comune impegno a studiare soluzioni per i problemi di fondo dell’umanità contemporanea. L’elenco dei temi che andranno insieme affrontati può iniziare da quelli che Papa Francesco suggerisce nella sua enciclica Laudato si’.  Tale ‘trialogo’ sarà tanto più efficace quanto più esso saprà calarsi laicamente dal livello delle dottrine a quello delle persone. Ritengo infatti che quelle che si parlano fra loro non sono mai le religioni bensì le persone, in carne e ossa.”

Tra i protagonisti di questi ricchi appuntamenti anche il neo-nominato Vescovo di Bologna mons. Matteo Maria Zuppi che, insieme al giornalista Lorenzo Fazzini, affronterà il tema della difficoltà nel perdono. Partendo dalla città di Bologna, fino ad arrivare ai fatti d’attualità europei, approfondirà le ferite ancora aperte che le comunità continuano a portarsi dietro chiedendosi se sia possibile “fare pace” al fine di ricostruire un futuro non ossessionato dalla paura dell’altro.

Inoltre, durante i giorni del Festival, la città di Bologna riceverà un importante regalo grazie alla presenza in Piazza Maggiore di una riproduzione della Porziuncola che sarà il cuore dei momenti di spiritualità e di preghiera e alcuni sacerdoti saranno disponibili per il dialogo e il sacramento della riconciliazione.

 

L'articolo Il perdono come dialogo interreligioso sembra essere il primo su Festival Francescano 2016.

]]>
Le parole imperdonabili http://www.festivalfrancescano.it/le-parole-imperdonabili/ Sun, 18 Sep 2016 08:05:38 +0000 http://www.festivalfrancescano.it/?p=5671 Ad anticipare l’inizio dell’ottava edizione del festival una giornata con il direttore di Tv2000 Paolo Ruffini insieme ad altri nomi dal mondo della comunicazione Bologna, dal 23 al 25 settembre 2016, torna ad accogliere tra le proprie mura il Festival Francescano, che per la sua ottava edizione ha ...

L'articolo Le parole imperdonabili sembra essere il primo su Festival Francescano 2016.

]]>
Ad anticipare l’inizio dell’ottava edizione del festival una giornata con il direttore di Tv2000 Paolo Ruffini insieme ad altri nomi dal mondo della comunicazione

Bologna, dal 23 al 25 settembre 2016, torna ad accogliere tra le proprie mura il Festival Francescano, che per la sua ottava edizione ha scelto come tema “il perdono”.
Nelle tre giornate organizzate dal Movimento Francescano dell’Emilia-Romagna, saranno tantissime le occasioni per avvicinarci e approfondire i molteplici significati della parola perdono, tornata alla ribalta grazie alla scelta di Papa Francesco d’indire il Giubileo straordinario della Misericordia, attraverso contributo di una cinquantina di relatori e un centinaio di appuntamenti tra spettacoli, workshop e attività per i più piccoli.

La tre giorni di eventi verrà anticipata giovedì 22 settembre da un corso di formazione per giornalisti dal titolo “Le parole imperdonabili”, al quale parteciperanno diversi esperti del mondo della comunicazione tra cui Paolo Ruffini, direttore di Tv2000 e Radio inBlu, che con il suo incontro “Un papa che buca lo schermo: rischi e opportunità per un messaggio che si fa social” approfondirà la figura di Papa Francesco dal punto di vista dell’utilizzo di una comunicazione diretta e incisiva.

Tra gli interventi anche quello di Renzo Magosso, inviato di guerra e tra i fondatori di “Stampa Democratica” con Walter Tobagi, con una conferenza sulla Carta di Milano e l’urgente tema dei diritti umani.

Spazio anche alla fotografia come mezzo di informazione grazie alla partecipazione del fotoreporter Pasquale Spinelli. Durante il suo l’appuntamento a Palazzo d’Accursio dal titolo “Immagini non essenziali per l’informazione”, il fotoreporter Spinelli affronterà, attraverso il racconto del suo lavoro, una tematica spinosa quanto attuale quale l’utilizzo delle immagini da parte dei media nell’informazione.

L'articolo Le parole imperdonabili sembra essere il primo su Festival Francescano 2016.

]]>
EffeFestival nel “Circuito Off” http://www.festivalfrancescano.it/effefestival-entra-ufficialmente-nel-circuito-off/ Sun, 18 Sep 2016 07:37:19 +0000 http://www.festivalfrancescano.it/?p=5699 Con la sesta edizione della manifestazione novarese (dal 30 settembre), si rafforza un legame con il Festival Francescano che risale all’origine  Era il mese di gennaio del 2010 quando, cominciando a lavorare sulla prima edizione di EffeFestival, gli organizzatori (in primo luogo l’Ordine Francescan...

L'articolo EffeFestival nel “Circuito Off” sembra essere il primo su Festival Francescano 2016.

]]>
Con la sesta edizione della manifestazione novarese (dal 30 settembre), si rafforza un legame con il Festival Francescano che risale all’origine 

Era il mese di gennaio del 2010 quando, cominciando a lavorare sulla prima edizione di EffeFestival, gli organizzatori (in primo luogo l’Ordine Francescano Secolare di Novara) presero i primi contatti con il Comitato promotore di Festival Francescano. La manifestazione nata in Emilia Romagna aveva vissuto a Reggio Emilia, nel settembre 2009, una prima entusiasmante edizione con oltre 25.000 presenze e un “parterre” di ospiti di rilievo assoluto, proponendosi subito come modello ideale per una nuova e interessante modalità di presenza dei francescani.

«EffeFestival – spiega Paola Brovelli, presidente del Comitato Organizzatore novarese – ha sempre cercato di ispirarsi, pur nella differenza delle dimensioni, all’esperienza di Festival Francescano. Numerose sono state anche le occasioni di confronto e di collaborazione che si sono sviluppate in questi anni, al punto che il legame tra le due manifestazioni è ormai davvero solido. Abbiamo così accolto con grande favore l’idea, che ci è stata presentata all’inizio di quest’anno, di far parte di un vero e proprio “circuito” delle manifestazioni idealmente ispirate a Festival Francescano»

Infatti, in occasione dell’edizione 2015 gli organizzatori di Festival Francescano hanno lanciato il “Circuito Off”, una forma di collegamento che sostiene e incentiva le iniziative ”satellite” che prendono ispirazione dall’esperienza emiliana in vari luoghi d’Italia.

Dall’edizione di quest’anno tutte le iniziative di EffeFestival saranno “griffate” con il logo del Circuito Off. Sul sito ufficiale di Festival Francescano sarà data notizia del programma di EffeFestival.

I materiali promozionali del festival novarese saranno distribuiti a Bologna, durante l’ottava edizione di Festival Francescano che ha scelto come tema “il perdono”, parola poco alla moda, tornata alla ribalta grazie alla scelta di Papa Francesco d’indire il Giubileo straordinario della Misericordia. L’intenzione, come sempre è quella di attualizzare il messaggio del Santo Patrono d’Italia e di declinarlo grazie al contributo di una cinquantina di relatori e attraverso un centinaio di appuntamenti tra spettacoli, workshop e attività per i più piccoli.

Il ponte tra Novara e Bologna è gettato.

L'articolo EffeFestival nel “Circuito Off” sembra essere il primo su Festival Francescano 2016.

]]>
Un confronto su giustizia e pace http://www.festivalfrancescano.it/un-confronto-giustizia-pace/ Sat, 17 Sep 2016 07:00:53 +0000 http://www.festivalfrancescano.it/?p=5663 Al Festival Francescano l’ex magistrato Giancarlo Caselli  in un confronto su giustizia e pace e approfondimenti su ospitalità e perdono con convegni e tavole rotonde Bologna, dal 23 al 25 settembre 2016, torna ad accogliere tra le proprie mura il Festival Francescano, che per la sua ottava edizione...

L'articolo Un confronto su giustizia e pace sembra essere il primo su Festival Francescano 2016.

]]>
Al Festival Francescano l’ex magistrato Giancarlo Caselli  in un confronto su giustizia e pace e approfondimenti su ospitalità e perdono con convegni e tavole rotonde

Bologna, dal 23 al 25 settembre 2016, torna ad accogliere tra le proprie mura il Festival Francescano, che per la sua ottava edizione ha scelto come tema “il perdono”.
Nelle tre giornate organizzate dal Movimento Francescano dell’Emilia-Romagna, saranno tantissime le occasioni per avvicinarci e approfondire i molteplici significati della parola perdono, tornata alla ribalta grazie alla scelta di Papa Francesco d’indire il Giubileo straordinario della Misericordia, attraverso contributo di una cinquantina di relatori e un centinaio di appuntamenti tra spettacoli, workshop e attività per i più piccoli.

L’approfondimento sociale e politico sarà al centro di molteplici iniziative, che avranno tra i protagonisti il filosofo Massimo Cacciari con la conferenza Beati quelli che perdonano per lo tuo amorein cui approfondirà il senso dell’azione del perdono.

Si parlerà anche di giustizia e pace con l’ex magistrato Giancarlo Caselli, che ha dedicato il suo lavoro alla lotta contro le associazioni criminali e don Giovanni Nicolini, attivo presso il carcere della Dozza di Bologna nell’incontro Giustizia e pace si baceranno?”.

Ancora di pace, ma declinata sul forte tema del dialogo interreligioso, si discuterà durante l’iniziativa Pace fra le religioni: solo un’utopia?”, convegno che vedrà tra i protagonisti il sociologo Adel Jabbar.
A proposito dell’incontro Jabbar sostiene che “Nella società odierna coabitano persone e gruppi che abbracciano diversificate pratiche di vita, il che implica la coesistenza di molteplici modelli culturali e religiosi. Ciò comporta che al di là del loro background le persone si trovano a dovere affrontare quotidianamente problematiche comuni quali il lavoro, l’educazione e altre tematiche legate al territorio. In questo quadro, le diverse comunità religiose sono chiamate ad acquisire maggiore consapevolezza rispetto alle sfide poste dal contesto attuale al fine di contribuire alla formazione di una competenza comunicativa adeguata. Oggi infatti è fondamentale conoscere le esperienze religiose per relazionarsi in un ambito plurale, dove lo scambio di conoscenze diventi una pratica di vita atta a costruire una prospettiva di pace e convivenza.”

Infine, sarà la giornalista e scrittrice Ritanna Armeni insieme a Laura Mulayka Enriello, Gadi Luzzatto Voghera e Claudio Monge ad interrogarsi sul significato della parola ospitalità durante la conferenzaL’ospitalità: Abramo alle querce di Mamre”.
Partendo da un noto episodio biblico, l’incontro presso le Querce di Mamre (Gn 18), gli autori si confronteranno senza pregiudizi su importanti quanto attuali tematiche che spesso dividono come ospitalità e diversità.

L'articolo Un confronto su giustizia e pace sembra essere il primo su Festival Francescano 2016.

]]>
Il perdono nell’opera d’arte italiana http://www.festivalfrancescano.it/perdono-lopera-darte-italiana/ Fri, 16 Sep 2016 07:00:09 +0000 http://www.festivalfrancescano.it/?p=5651 L’esperto d’arte Marco Riccòmini al Festival Francescano per riscoprire il perdono attraverso l’opera d’arte italiana e l’arte barocca bolognese Bologna, dal 23 al 25 settembre 2016, torna ad accogliere tra le proprie mura il Festival Francescano, che per la sua ottava edizione ha scelto come tema “...

L'articolo Il perdono nell’opera d’arte italiana sembra essere il primo su Festival Francescano 2016.

]]>
L’esperto d’arte Marco Riccòmini al Festival Francescano per riscoprire il perdono attraverso l’opera d’arte italiana e l’arte barocca bolognese

Bologna, dal 23 al 25 settembre 2016, torna ad accogliere tra le proprie mura il Festival Francescano, che per la sua ottava edizione ha scelto come tema “il perdono”.
Nelle tre giornate organizzate dal Movimento Francescano dell’Emilia-Romagna, saranno tantissime le occasioni per avvicinarci e approfondire i molteplici significati della parola perdono, tornata alla ribalta grazie alla scelta di Papa Francesco d’indire il Giubileo straordinario della Misericordia, attraverso contributo di una cinquantina di relatori e un centinaio di appuntamenti tra spettacoli, workshop e attività per i più piccoli.

Di arte si parlerà con l’esperto e critico Marco Riccòmini – sabato 24 ore 11.15 – Palazzo d’Accursio, Sala Tassinari – durante la conferenza Il perdono in età barocca: quadri a Bologna”.
Guidando lo spettatore in un percorso attraverso alcune delle opere d’arte più interessanti del periodo barocco bolognese, il direttore del Dipartimento Old Master di Christie’s, mostrerà come il perdono sia una tematica importante e ricorrente nell’iconografia del barocco italiano.

Anche spazio all’arte fotografica – giovedì 22 settembre – all’interno del corso di formazione per giornalisti dal titolo “Le parole imperdonabili”, al quale oltre alla partecipazione di Paolo Ruffini, direttore di Tv2000, e Renzo Magosso, inviato di guerra, troveremo quella del fotoreporter Pasquale Spinelli.
Durante un incontro a Palazzo d’Accursio dal titolo “Immagini non essenziali per l’informazione”, il fotoreporter Spinelli affronterà una tematica spinosa quanto attuale come l’utilizzo delle immagini da parte dei media nell’informazione attraverso il racconto del suo lavoro.

L'articolo Il perdono nell’opera d’arte italiana sembra essere il primo su Festival Francescano 2016.

]]>
Basta un click! http://www.festivalfrancescano.it/basta-un-click/ Thu, 15 Sep 2016 08:31:17 +0000 http://www.festivalfrancescano.it/?p=5628 Illumia devolverà a Festival Francescano 1 € per ogni “mi piace” in più sulla sua pagina FB: scopri come fare cliccando qui. A te non costa nulla, per il Festival può fare la differenza!...

L'articolo Basta un click! sembra essere il primo su Festival Francescano 2016.

]]>
Illumia devolverà a Festival Francescano 1 € per ogni “mi piace” in più sulla sua pagina FB: scopri come fare cliccando qui. A te non costa nulla, per il Festival può fare la differenza!

L'articolo Basta un click! sembra essere il primo su Festival Francescano 2016.

]]>
Il significato della parola Perdono http://www.festivalfrancescano.it/significato-della-parola-perdono/ Thu, 15 Sep 2016 08:21:52 +0000 http://www.festivalfrancescano.it/?p=5646 Al Festival Francescano la poesia di Elena Buia Rutt e Davide Rondoni per conoscere il Perdono. I due autori a Bologna per interrogarsi sul significato della parola Perdono nella letteratura Bologna, dal 23 al 25 settembre 2016, torna ad accogliere tra le proprie mura il Festival Francescano, che pe...

L'articolo Il significato della parola Perdono sembra essere il primo su Festival Francescano 2016.

]]>
Al Festival Francescano la poesia di Elena Buia Rutt e Davide Rondoni per conoscere il Perdono. I due autori a Bologna per interrogarsi sul significato della parola Perdono nella letteratura

Bologna, dal 23 al 25 settembre 2016, torna ad accogliere tra le proprie mura il Festival Francescano, che per la sua ottava edizione ha scelto come tema “il perdono”.
Nelle tre giornate organizzate dal Movimento Francescano dell’Emilia-Romagna, saranno tantissime le occasioni per avvicinarci e approfondire i molteplici significati della parola perdono, tornata alla ribalta grazie alla scelta di Papa Francesco d’indire il Giubileo straordinario della Misericordia, attraverso contributo di una cinquantina di relatori e un centinaio di appuntamenti tra spettacoli, workshop e attività per i più piccoli.

Attraverso la poesia ci interrogheremo sulla parola “Perdono”, e le sue diverse declinazioni nella storia della letteratura, grazie agli incontri con la scrittura dei poeti Davide Rondoni e Elena Buia Rutt.
Fondatore del Centro di poesia contemporanea dell’Università di Bologna, Davide Rondoni – venerdì 23 – ore 9.30, Piazza Maggiore – affronterà il tema del perdono accompagnando lo spettatore in un viaggio virtuale nella poesia contemporanea. Durante la conferenzaPerdonare è una parola Rondoni interverrà anche sull’importanza della parola perdono – via giusta ma anche ingiusta senza la quale le persone, gli amori, le famiglie e la società non sopravvivono.

Sempre venerdì – ore 16.00 – tra le storiche mura di Palazzo d’Accursio, Cortile d’onore – Davide Rondoni presenterà al pubblico il suo ultimo romanzo Il bacio di Siviglia, primo volume della collana “Vite esagerate” (Edizioni San Paolo 2016), in cui lo scrittore ripercorre la vita della figura che ispirò il celebre Don Giovanni.

Ancora letteratura e spiritualità – sabato 24 ore 15.30, Palazzo d’Accursio, Sala Tassinari – con la conferenza di Elena Buia Rutt dal titoloDio sul pianerottolo. Il perdono come affidamento”. Saranno le sue parole e i versi delle sue poesie interpretati dall’attore Federico Caiazzo a far riflettere questa volta sulla parola perdono. La poesia di Elena Buia Rutt, brillante penna di pagine culturali per quotidiani e riviste nazionali, porterà a soffermarsi sulla contemplazione della realtà quotidiana, aiutandoci a leggerla con spiritualità.

Su misericordia e poesia Elena Buia dice “Al caos, allo smarrimento, alla frustrazione dei giorni, si contrappone una forza esterna “misericordiosa”, capace, attraverso il perdono, di trasformare il dolore in conoscenza ulteriore e di superarlo. Sta allora alla poesia contemplare e discernere i nuovi sentieri che questa misericordia ha aperto.”

L'articolo Il significato della parola Perdono sembra essere il primo su Festival Francescano 2016.

]]>